ChiudiApri

Territorio

Prenota le vacanze in campeggio sulle Dolomiti e scopri il bellissimo territorio del Lago del Corlo

Lago del Corlo


Questo lago è chiamato anche il piccolo fiordo norvegese e dista solo pochi chilometri dalla bellissima pianura veneta. Un bellissimo specchio d’acqua incastonato tra la Valsugana, il Monte Grappa e Terre Feltrine
Il lago si estende a sud della cittadina di Arsiè fino ad arrivare a bagnare la frazione di Rocca il cui abitato su sommerso nel 1954 e di cui rimangono solo poche case. 

Dolomiti 


Le Dolomiti

Sono famose in tutto il mondo per essere state dichiariate dall’Unesco, Patrimonio dell’Umanità. Queste montagne sono considerate di grande valore paesaggistico, geologico e geomorfologico. Chi visita le Dolomiti rimane estasiato dalla vista dei pinnacoli che svettano verso l’azzurro del cielo, dalla veduta panoramica dei verdissimi pascoli e dei boschi di conifere.

Uno dei fenomeni maggiormente conosciuti e apprezzati è quello dell’Enrosadira le cime delle dolomiti che si colorano di rosso sia all’alba che al tramonto rimangono impresse a chiunque visiti questo straordinario luogo. 

www.dolomitipark.it






La Storia

I territori inclusi nel Parco, oggi quasi completamente dominati dalla natura, sono stati frequentati per millenni e conservano preziose testimonianze dell’antica presenza umana. Tra le più importanti vanno ricordati molti siti archeologici preistorici; il centro minerario di Valle Imperina (gioiello di archeologia industriale con una storia di oltre mezzo millennio), che fornì alla Repubblica di Venezia il rame di cui aveva bisogno per la zecca e per l’arsenale; la Certosa di Vedana, un complesso architettonico di eccezionale valore utilizzato per secoli dalle comunità monastiche; e chiesette della fascia pedemontana, luoghi di culto e devozione popolare della comunità locali; gli antichi ospizi medievali della Val Cordevole, che attraverso importanti lavori di restauro sono stati restituiti alla loro originaria funzione di accoglienza e ospitalità; le strade e le opere militari; le malghe utilizzate per l’alpeggio estivo, restaurate dal Parco e dotate di moderni caseifici; oltre tutti i segni “minori” dell’antico vivere dell’uomo in montagna: dalle calchere (fornaci per la produzione di calce), ai recinti pastorali costruiti con muri a secco, vecchi di secoli.

Oggi il Parco è impergnato nello studio di queste antiche testimonianze, nel loro recupero e valorizzazione turistica come nel sostegno all’economia montana tradizionale.




La Geologia

Il Parco è inserito, dal 2009, nel bene Dolomiti UNESCO, in virtù della bellezza unica dei suoi paesaggi e della rilevanza scientifica della sua storia geomorfologica. Una storia lunga oltre 250 milioni di anni, iniziata in mari tropicali nei quali i coralli costruivano quello che oggi sono poderose pareti di Dolomia; proseguita in mari profondi, dove si sono depositati i sedimenti che hanno generato le rocce più “giovani” del Parco. A partire da circa 65 milioni di anni fa gli enormi strati di sedimenti depositati sul fondo marino hanno iniziato ad essere sollevati. Dopo l’emersione (Circa 1,5 milioni di anni fa) la lenta azione di acque e ghiacciai ha scolpito nelle rocce i paesaggi unici al mondo che oggi ammiriamo. Le “vie dell’acqua” che ci invitano e ci accompagnano fino alle quote più elevate sono quelle dei torrenti Stièn, Caoràme, Vesés, Mis, Falcina, Cordévole, Imperina, Vescovà, Ardo, Grisol e Prampèr. Anche le viscere di queste montagne ospitano ambienti altrettanto straordinari. Il complesso carsico dei Piani Eterni, nel cuore del Parco, ancor oggi oggetto di esplorazione e ricerca, è il più vasto delle Dolomiti e uno dei più estesi e profondi d’Italia, con più di 35 chilometri di gallerie esplorate e oltre un chilometro di profondità



Cosa Vedere

Grotte di Oliero

Le Grotte di Oliero, grotte carsiche situate nel comune di Valstagna, hanno avuto origine migliaia di anni fa dalla forza dell'acqua che scendeva dall'Altopiano di Asiago, che ha scavato queste profonde gole rocciose per poi emergere nella valle vicino al fiume del Brenta . Quattro sono le grotte aperte al pubblico, immerse nel verde di un parco naturale: le due inferiori sono la sorgente del fiume Oliero, mentre le due superiori con le antiche sorgenti degli stessi torrenti sono ora asciutti. Durante una gita in barca di circa 30 minuti scoprirai tutti i segreti di questo mondo sotterraneo.È possibile visitare questa straordinaria grotta accedendovi in barca, accompagnati dalle guide naturalistico-ambientali di Ivan Team, che ve ne illustreranno le caratteristiche fino all’imbarcadero interno ed alla sala della colata, una gigantesca cascata di stalattiti alabastrine, alta ben quattordici metri, che si intrecciano in un bizzarro gioco di forme e colori.


Più informazione:

IvanTeam Grotte di Oliero
Castello di Zumelle

Un salto indietro nel tempo. Un triplo salto mortale nel Medioevo per rivivere l'atmosfera genuina e autentica di un'antica casa padronale in un momento di splendore, tra artigiani, dame, cavalieri e pellegrini. Per assaporare la storia al massimo, basta sedersi su una delle panchine della taverna o passeggiare per il portico del castello. E in pochissimo tempo, ti sentirai proprio come un pellegrino del Medioevo. O come un pellegrino in viaggio sulla strada per i principali santuari. La torre, arredata secondo le linee di una casa del castello, accoglie i visitatori come il Signore del Castello che si affaccia sulle valli dal punto panoramico del suo castello.




Più informazione:

Castello di Zumelle
Feltre e il suo Palio

Racchiusa fra alti monti e arroccata su un piccolo colle, Feltre è da secoli fulcro di importanti vie di comunicazione. Il suo centro storico, sopratutto per chi vi giunge per la prima volta, costituisce una scoperta entusiasmante per la sorpresa di trovare in un contesto alpino e dolomitico una città d'arte di così elevato pregio.Per la sua struttura urbanistica caratterizzata proprio dalla Cittadella murata che si inerpica sul colle dominato dal Castello detto di Alboino, Feltre, il cui territorio si sviluppa tra gli argini del fiume Piave e le alte cime delle Vette patrimonio Dolomiti UNESCO, assume l'immagine di Borgo Verticale.




Più informazione:

Palio di Feltre
9/10
Punteggio globale
Rapporto Qualità/Prezzo
Posizione
Reception
Servizi Igienici
Spiaggia
Verde
Tranquillità
Wi-Fi
Ristorante
Sicurezza
Sei già stato al Camping Lago di Arsiè?
Raccontaci la tua vacanza!


Tutti i commenti

Guest Book

"Una tranquilla vacanza di relax"
Il nostro soggiorno ? stato di una settimana. Siamo stati benissimo. Ottima l'accoglienza di Alessandra, eravamo alloggiati in una bellissima casetta dotata di tutti i comfort, il paesaggio ? magnifico e ci siamo goduti relax e tranquillit? per tutto il tempo. Torneremo sicuramente in questo campeggio.
Susanna V.
20/05/2019
"Una vacanza di divertimento nella natura"
Sono stata quattro giorni in questo camping che si ? rivelato una bellissima vacanza. Tutto lo staff dell'organizzazione ? molto professionale ma al tempo stesso molto ospitale, mi sono sentita a mio agio. Il posto permette di fare varie attivit? sportive e le soluzioni per dormire sono diverse. Io ero in una comoda casetta da cui facevo base per le varie gite nei dintorni e per andare a prendere il sole in riva al lago. Si ? creato un bel clima anche con i campeggiatori vicini. Esperienza da ripetere. Consigliato.
Linda M.
20/05/2019
"4 giorni di pace"
Piccolo camping sul lago di Corlo, in una posizione meravigliosa, lontano da qualsiasi fonte di disturbo e con una vista bellissima sul lago e sui monti che lo circondano. Passeggiate sui monti e relax ma per chi vuole anche attivit? sportive. Ho alloggiato in una casetta ben tenuta e pulita cos? come tutto il campeggio, personale professionale ma cordiale e simpatico. Da non perdere il ristorante!
Andrea M.
20/05/2019
Iscriviti alla Newsletter
Visita anche:
Lago Arsiè Camping Village

Via Campagna, 14/l, Arsiè 32030 (BL)
Tel. +39 0439/58540
Whatsapp +393387168864
E-mail: info@campinglago.info
P.Iva 02246030221 - Privacy Policy
GPS: N 46° 0’28”.400 / E 11° 17’ 2”.800
Riconoscimenti

Credits TITANKA! Spa © 2019